Gelatiere, guida alla scelta e alla lavorazione degli ingredienti per ottenere il miglior gelato

Non tutti gli ingredienti vanno trattati allo stesso modo per fare un buon gelato fatto in casa. Sottinteso che ci voglia la gelatiera, il procedimento per l’utilizzo della materia prima varia a seconda degli ingredienti utilizzati. Non tutti gli ingredienti da congelare in freezer o nell’apposito vassoio incorporato nelle gelatiere autorefrigeranti vanno prima cotti e sciroppati, molti tipi di frutta ad esempio per mantenere l’aroma e il profumo vanno lavorati freschi, meglio se sminuzzati prima nel frullatore elettrico per ricavarne un composto omogeneo e senza grumi. Può capitare che per certe ricette di gelato servano le uova, in questo caso per essere più sicuri il consiglio è di scaldare prima il composto per sterilizzare la preparazione, eliminando il rischio di presenze batteriche, possibili fonti di conseguenti infezioni e patologie.

Così come nel gelato, anche nei sorbetti, tipici gelati alla frutta, il gusto è proporzionato al sapore e alla dolcezza del frutto. Qualora il frutto selezionato, durante la fase operativa, dovesse risultare poco dolce, anziché aggiungere dello zucchero nel cestello si suggerisce di farlo sciogliere in una casseruola a fiamma bassa con un po’ d’acqua, far raffreddare la miscela e versarla successivamente nel cestello, anche in corso d’opera. Se non si ha la panna a disposizione, la si può sostituire con del latte negli stessi dosaggi suggeriti dalla ricetta. Una volta ottenuto il gelato, consumabile da subito in tutta la sua fresca bontà, si può provare a conservarlo più a lungo riponendolo in una vaschetta all’interno del surgelatore, possibilmente dentro un recipiente a chiusura ermetica.

Calcolare che il gelato pronto aumenta di volume, quindi calcolare sempre in anticipo la capienza del cestello, magari lasciando un vuoto in previsione della levitazione del prodotto finito. A volte può anche capitare che la densità o cremosità del gelato non vi soddisfi, perché magari è venuto troppo liquido. In tal caso, si può provvedere ad addensarlo con l’aggiunta di un addensante naturale venduto nei negozi ‘bio’ o sul web. Infine, per evitare la formazione di cristalli di ghiaccio si può usare con parsimonia un pizzico di glucosio o un cucchiaino di miele. Fin qui i segreti nella preparazione di un buon gelato, ma la gelatiera non deve averne di segreti, per conoscerla meglio affacciatevi sul sito www.guidagelatiera.it.